lunedì 24 febbraio 2014

It's Dare / Casting F4 - Distruzione fisica


Sto week-end mi sono distrutto.
Alle quattordici e cinquantequalcosa di venerdì pomeriggio mi sono messo in tasca il voto di un importante esame che mi stavo trascinando dall'anno scorso. Liberazione totale. Vacanza. Avevo passato tutta la sessione esami a spappolarmi il cervello sui libri… ora dovevo apparare e demolire anche il mio corpo.
No, mi dispiace, non ho partecipato a un rave-party di tre giorni mangiando solo funghi allucinogeni e bevendo solo alcol etilico. Capita. In compenso ho fatto aperitivo, ho bevuto birra buona con buoni amici, ho dormito un pochino, sono partito la mattina per andare a sciare, sono tornato la sera, mi sono fatto una nuotata in piscina e sono andato a una festa di compleanno. Tutto in successione. Alla sera sentivo tutti i muscoli tirare e avevo le gambe talmente pompate che mi pareva di camminare sulla Luna.
Mi sono divertito come un pazzo e questo è soprattutto merito dei miei amici che mi hanno accompagnato in ognuna di queste belle esperienze.
Ora c'è ancora una settimana di "vacanza" prima dell'inizio dei corsi. "Vacanza" tra virgolette perché ne ho di cose a cui pensare! Sto disegnando come un pazzo cose SE-GRE-TIS-SI-ME che presto però vi saranno svelate sulla pagina facebook ufficiale di Esso - L'ultimo Fumettista Libero.
Inoltre sto ancora cercando di trovare volenterosi iscritti al Corso di Fumetto di Roddi! Il corso tenuto da me e Umberto Giordano in quel di Roddi è prossimo a incominciare… ma mancano ancora molti partecipanti! Quindi colgo l'occasione per dire a tutti gli indecisi che ci seguono da casa di mettere da parte le loro paure e di gettarsi in questa bella avventura fumettistica! Un avventura che però non inizierà di mercoledì, come detto fin ora, ma di giovedì. Io e Umbe ci scusiamo sinceramente con tutti gli interessati per questo disguido… ma lo Spazio Yepp di Roddi si è rivelato improvvisamente inutilizzabile per noi di mercoledì. Ohi, che ce possiamo fare? Quando avremo MIJONI di iscritti apriremo una sede tutta nostra tipo il grattacielo di Dubai con piscine rotanti, gabinetti panoramici, teleschermi al gusto di vaniglia e tutte quelle porcate inutili e immotivate che ogni tanto si inventano i ricchi quando il caminetto si intasa di banconote e non sanno più dove infilarsele.

Ohi, ma questo mica è un blog di un chiacchierone qualsiasi! Vojiamo li disegni!
Come ho detto sono molto impegnato nel realizzare cose top-secret e quindi vi posso solo mostrare una piccola illustrazione che avevo in testa da un po'. Il protagonista di questo bel disegnino è l'Uomo Senza Paura: l'amico DareDevil.


Sketch! Volevo un frontale perfetto del nostro Matt. Volevo realizzare una di quelle illustrazioni-copertine classicissime con il viso del personaggio per metà in veste di semplice uomo e per metà nella sua versione superumana. Ammetto quindi di aver disegnato solo metà del volto, di averla copiata e ri incollata specularmente dall'altro lato. Sono un imbroglione, lo so!


Bozza definita. Ho definito le forme e asciugato i segni. L'ombra del volto sarebbe coincisa con il Diavolo Custode.

Matite! Ricalcando la bozza precedente ho trovato i contorni delle ombre in modo da poter individuare delle forme definite da riempire di colore.

Inchiostrazione! Con un pennello spesso e con la mano pesante ho ricalcato le forme definite nelle matite semplificando però il profilo dei capelli. Già! Tutte quelle frastagliature non mi sembravano far intendere il volume della testa quindi ho optato per una bella linea dritta.

Tinte piatte! Le parti "in ombra" le ho riempite di un rosso acceso, quello che nelle chine sembrava un insieme di tratti alquanto casuali qui si mostra per la figata che è!

Risultato finale! Ho costruito una texture di cerchi concentrici e poi gli ho applicato un effetto retino. Il senso radar del personaggio viene spesso rappresentato con questa specie di effetto "sasso nell'acqua" e ho deciso di applicarlo all'occhio della metà da supereroe del personaggio per raccontarne i poteri. Dovrebbe leggersi tipo come "Devil vede attraverso queste onde perché infatti l'occhio è bianco e cieco!" … Se no è solo un effetto figo e va bene così! La lente rossa dei suoi occhiali invece l'ho riempita con lo skyline di New York e ci ho applicato dei riflessi a retino.


Accidenti! Si è fatta proprio na certa! Vi saluto con una piccola e stupida vignetta che mi è saltata in mente vedendo il cast del nuovo film sui Fantastici 4. Diciamo che trovo le scelte degli addetti al casting… discutibili.
Stateme bbene rigà!


lunedì 17 febbraio 2014

Attack on Palermo / Pitbull / N'se semo capiti - Corso di Fumetto di Roddi!


Ormai l'avrete ben capito dal titolo! Anche quest'anno torna l'appuntamento con il Corso di Fumetto di Roddi! Io e il mio mitico collega Umberto Giordano abbiamo deciso di ripetere questa bella esperienza che ci ha dato tante soddisfazioni l'anno scorso.
Ora le cosucce sono un po' cambiate: solo una lezione a settimana, le lezioni di Fumetto e di Disegno potranno essere seguite singolarmente, ci saranno dei workshop con artisti affermati… Oh,  ce n'è di roba! Comunque ora che ho fondato la pagina facebook ufficiale del corso potrete trovare tutte le informazioni nella sezione info o comunque fare tutte le domande che volete direttamente lì a me o a Umby! Vi dico solo che quest'anno sarà meglio dello scorso: io e Umby abbiamo più esperienza e abbiamo corretto il tiro per fornire un servizio ancora più pheego e interessante!
Io terrò come l'anno scorso le lezioni di Fumetto… e la cosa mi gasa da matti. Come l'anno scorso seguirò principalmente la linea tracciata dai mitici libri di Scott McClaud "Capire il Fumetto" e "Fare il Fumetto" (e anche un po' di "Reinventare il Fumetto"… ma quello è più approfondimento) e ci costruirò sopra, tramite esperienze personali e altri testi, delle lezioni per "prestigiatori" del fumetto. Prestigiatori perché il fumetto è illusione, è far immergere il lettore in un mondo di fantasia, Alan Moore chiama questa tecnica direttamente STREGONERIA… Io che apprezzo il lato tecnico dell'arte preferisco chiamare gli escamotage dello storytelling "giochi di prestigio". Riflettere, affinare la tecnica, aver tutto calcolato al centesimo e mostrarlo agli altri come la cosa più naturale del mondo. Una magia, appunto. Già l'anno scorso ho cercato di rendere il corso non solo utile a chi vuole scrivere e disegnare fumetti, ma anche a chi li legge e vuole saperli leggere rendendosi conto del lavoro che c'è dietro. Già perché quando si chiude un fumetto e si esclama "Cavolo, ma è bellissimo!" non è mai un caso. C'è sempre uno studio e una capacità dietro che si affina con studio e pratica. E come un corso di chimica non ti fa più vedere una bevanda gasata allo stesso modo o un corso di fisica non ti permette di non farti delle domande quando frena il tram e cadi sull'omone sudato davanti a te… spero che finito il corso di Fumetto i ragazzi dicessero "Cavolo, non leggo più i fumetti come sei settimane fa!".
Visto che ho piacere di dirottarvi verso la pagina facebook (MIPIACCIATEMIPIACCIATEMIPIACCIATE!) non vi sto troppo a parlare dell'iniziativa qui sul blog. Come ho scritto, se volete chiedere qualcosa o fare due chiacchiere a riguardo scrivete tutto sulla pagina! Una domanda non costa nulla e magari se siete interessati al corso o magari avete degli amici che schiumano per il fumetto potreste partecipare a una bella esperienza!

Dai! Passo subito alle illustrazioni di questa settimana!
Il mio amicone e collega Camillo Bosco mi ha commissionato a inizio settimana un'illustrazione per Kill Surf City, il sito per cui lavora. Questa illustrazione doveva fungere da copertina a un articolo… e la vicenda è alquanto complicata e ho paura di dire degli strafalcioni ciclopici. Sappiate solo che si tratta del crollo di un palazzo fatiscente a Palermo, dell'erezione piuttosto improvvisata di un muro per contenere la zona e l'abbattimento del suddetto muro (no, vi assicuro che è alquanto complicata da seguire la dinamica). Vi linko l'articolo KSC per avere informazioni un po' serie e non un guazzabuglio di informazioni confuse come solo io saprei fornirvi.
L'idea di Camillo è stata "Come non poter descrivere in maniera simpatica l'abbattimento di un muro senza citare il fenomeno di massa che si sta rivelando L'Attacco dei Titani (o "Attack on Titan" o "Shingeki no Kyojin" o "進撃の巨人" … per la precisione!)?". (cinque segni non alfanumerici consecutivi! Wow! Ho vinto qualcosa?)
Mi è sembrata un'idea ben divertente!

è stato un lavoro piuttosto veloce: ho utilizzato una foto di Claudia Sajeva per poi disegnarci direttamente sopra il contorno del titano e le tinte piatte.


Poi ho aggiunto "effetti speciali" per comporre meglio il disegno e la foto! ATTACK ON PALERMO!


Ma già che avevo fatto 30, il Kamlo (soprannome di Camillo, è sempre la stessa persona) mi ha chiesto una seconda illustrazione. Un pitbull con negli occhi il riflesso il viso Emma Dante (perché? Boh… no, so che sono una persona orribile ma non ho fatto proprio domande!).
I pitbull hanno occhietti molto piccoli e per vedere il riflesso negli occhi del cane avrei dovuto fare un primo piano talmente ravvicinato da non far distinguere più l'animale! Ho deciso quindi di fare un effetto "fumettistico" con delle specie di vignette sparse per l'immagine.

Bozza! Ecco un feroce pitbull in corsa! Ricordo, per tutti gli amanti degli animali, che non ho niente contro questa razza di animali e il peggio male che mi hanno fatto è stato farmi venire l'allergia.

Matite! Ho aggiunto una catena  al collo dell'animale e ne ho definito la possente muscolatura.

Ecco le inchiostrazioni! Ho deciso di utilizzare una tecnica MOLTO grezza e quindi le pennellate sono molto decise. Potete già riconoscere la vignetta in alto a destra (con l'occhio del cane e il ritratto di Emma) e quella in basso a sinistra (con i denti della nostra piccola palla di pelo).

Conclusione? Ho piazzato il colore e qualche retino ma… HO CICCATO IN PIENO! L'illustrazione così come l'avevo presentata non era praticamente visualizzabile nel piccolo spazio che doveva occupare sul sito! Ho dovuto quindi rimestare l'immagine per farla diventare come la vedete ora a lato dell'articolo e questa versione non è mai apparsa da nessuna parte.

Mi sembrava però troppa ciccia sprecata, quindi ne ho fatta una seconda versione dove ho sostituito al ritratto di Emma Dante un occhio spiritatissimo del cane. Mi piace come illustrazione perché è dinamica, grafica ed ha un forte ascendente fumettistico.

Ultimo disegno, ma di certo non per importanza, è quello di un ragazzetto galattico! Già già! Sempre a inizio settimana sono andato a seguire la correzione di un esame. Mentre sentivo gli orali dei miei sfortunati compagni di corso ho iniziato a scarabocchiare questo personaggetto in figura intera cercando di vestirlo nella maniera più fuori di testa possibile. Inoltre, quel giorno, ero particolarmente preso bene con gli irezumi e ho deciso di tatuargliene sulle spalle e sul petto.
Come al solito quando disegno dei personaggi cerco di immaginarmi anche la loro storia. In questo caso ho visualizzato questo ragazzetto al suo primo giorno di lavoro come meccanico per astronavi. è molto talentuoso ed è per questo che il suo capo l'ha scelto… Ma lui è una testa calda e gli piace fare le cose a modo suo. Ad esempio questa potrebbe essere la scena di lui che arriva e tutti i suoi compagni lo guardano storto. Il ragazzo ha infatti tagliato e rimosso la parte superiore della divisa in corrispondenza dei suoi costosi tatuaggi! Certo sarà dura lavorare con uno così in squadra!

Ho scannerizzato le matite e le ho "inchiostrate" al computer. Ecco tutti i contorni definiti.

Lavoro concluso! Ho messo le campiture nere, qualche ombra e lo sfondo l'ho ricavato componendo un immagine cosmica e una rielaborazione di una foto di Giove. Il testo è stato parecchio riassunto per rendere più immediata la lettura. "Pensavate davero che me sarei coperto ri tatuaggi?…"
"N'SE SEMO CAPITI."

E anche il post di oggi volge al termine! Ci becchiamo la settimana prossima con nuovi aggiornamenti. Vi ricordo che mancano praticamente due settimane all'inizio del Corso di Fumetto quindi se siete interessati contattatemi al più presto in modo da iscrivervi o anche solo chiedermi informazioni e chiarimenti!
Rigà! Stateme bbene e buona notte!

lunedì 10 febbraio 2014

Tartaruga Ninja / Il gene X


Non si decide. Ci si nasce. Già quando si è bambini, lo si sente… si è diversi dagli altri. Si è speciali, differenti… Mutanti.
Già dalla tenera età i bambini mutanti si differenziano dagli altri. Magari i loro poteri sono ancora sopiti ma non c'è dubbio nel riconoscere la loro particolarità. Nei piccoli gesti, nelle loro reazioni… non apparterranno mai alla massa.
Durante l'adolescenza però i poteri si sviluppano in tutto il loro vigore. Ciò che prima era un presentimento ora è un dato di fatto. Un potere scatenato che però non è né efficiente né utile. A quel punto vi sono due vie. O la società, la famiglia e gli amici fanno in modo da indurre il mutante a sopprimere la sua natura in modo da uniformarlo al resto dell'umanità… oppure si va alla scuola di Xavier.
La scuola è piena di mutanti. Ragazzi e adulti. Ognuno con le sue peculiarità, con le sue passioni e con i suoi incredibili poteri… e non ci si sente più così diversi.
Per maestro non c'è solo Bestia, studioso del fenomeno mutante e mega cervellone: c'è anche Wolverine. E Wolverine non è sta grandissima cima in fatto di scienze e biologia. Wolverine è un mutante, come i suoi studenti, ma con molta esperienza che lo rende "il migliore in quello che fa".
Dopo la scuola il potere di ogni mutante non è un fiume in piena, una furia incontrollabile pericolosa per sé e per il prossimo. La propria mutazione diventa un mezzo controllabile, uno strumento per fare del bene e per vivere in serenità con sé stessi. Non è più il potere a comandare, bensì il mutante.

X-Men così forse non ci sono mai stati, erano sempre impegnati a salvare l'universo o il pianeta o la razza mutante… ma io me li ricordo così, dai cartoni, dai film e dai fumetti fuori continuity. Una scuola per persone fuori dal comune che spesso si sono sentite a disagio per la loro stessa natura. Una scuola che rende una forza distruttiva come quella dei raggi oculari di Ciclope un arma precisa e letale.

Perché parlo degli X-Men? Perché è molto breve il passo tra "potere mutante" e "passione". Devo ammettere che all'inizio volevo scrivere "talento" al posto che "passione"… ma non è vero. Il talento non ti fa svegliare la mattina con la voglia di fare qualcosa, non ti fa tremare le mani al pensiero di suonare dopo tanto tempo, di leggere un bel libro o di dipingere un paesaggio. è la passione il vero potere che va controllato e coltivato.
Parlo degli X-Men perché sento che le mie esperienze, soprattutto la Scuola di Fumetto di Bra e ancora di più il progetto Esso sono stati la mia scuola per giovani dotati. Sento di aver incontrato persone come me, e soprattutto molto migliori di me, che mi hanno fatto crescere profondamente. Non mi sento ancora un X-Men della squadra titolare… ma ultimamente sento di aver iniziato a incanalare il mio potere. Sento sempre meno la necessità di essere "Ispirato" quando lavoro: se ho l'impulso di disegnare lavorare mi verrà più facile e quando non ce l'avrò dovrò stringere i denti. Fine!
Mi immagino un creativo professionista che legge questa mia ultima frase e scoppia a ridere. è un lavoro a tutti gli effetti e mica si lavora solo quando si ha voglia! Ma dopo una vita passata a disegnare di getto e solo ciò che si aveva voglia di fare mi sto rendendo conto che posso produrre entro determinate scadenze, organizzandomi il lavoro e disegnando anche cose che non mi piacciono. Il mio cuore fa la ola!
Forse ci sono arrivato anche un po' tardi… ma ora cercherò di recuperare!

Inoltre colgo l'occasione per dire che presto potrebbe diventare ufficiale la riproduzione di un esperimento testato l'anno scorso che potrebbe essere una sorta di piccola scuola Xavier per giovani dotati a Roddi… Ma io non ho detto nulla!


Cosa vi propongo come disegno? Sinceramente… Ben poco! Ho fatto alcuni lavoretti ma sono tutti top secret! Presto sarà online il sito ManFont e ho curato alcune parti "artistiche" che ovviamente potrete godervi quando aprirà ufficialmente. Inoltre ho fatto un piccolo lavoretto grafico per la pagina Fockémon ma è una sorpresona quindi me ne sto muto.
Vi propongo quindi il making of di una vignetta divertente che ho condiviso sul mio profilo facebook un po' di tempo fa!

Bozza! Questa idea malsana mi è venuta di mattina presto riflettendo sul mio fisico… non proprio statuario. Ecco la bozza di me intento a guardare la mia riserva di grassi addominali!


Matite! Ecco un po' di dettagli. Ho deciso di abbassare una mano dalla pancia per non rendere la mia posizione troppo simmetrica e innaturale. Qui sono ancora rappresentato con una tensione muscolare… non mia… e dopo la correggo.

Correzioni! Ho deciso di cambiare nuovamente posizione al mio braccio sinistro. Oltre a rendere la mia postura più interessante grattandomi la testa sembro ancora più imbarazzato dalla situazione in cui verso. Meglio meglio!

Inchiostrazioni! Ho finito di definire le braccia mancanti. Come potete osservare sono stato un po' più realista con il mio corpo rappresentandolo più… "morbido".

 Colori! Ho deciso di fare una colorazione cartoon con soltanto un tono base  e uno per le ombre. La bandana da Tartaruga Ninja è rossa non perché mi sta simpatico Raffaello, bensì per citare le Ninja Turtles originali che infatti avevano tutte la mascherina rossa!

 Effetti e Lettering! Ho utilizzato l'ormai classico effetto puntinato per ricreare quel ché di retrò. La battuta è ben squallida… ma ha divertito molti miei amici e spero anche voi!

Chiudo anche il post di questa domenica sera tardi tardi o lunedì mattina presto presto!
Ciao ragazzi! Stateme bbene!

domenica 2 febbraio 2014

Battle of Gods / Tavola Esso - Sperimentazioni


Adesso che ho finito gli esami (BUGGIA! MENZOGNE! NE HO ANCORA DA DARE MA RIMANDEREI VOLENTIERI ALL'INFINITO!!!) ho molto più tempo libero. Questo tempo libero, che potrei comodamente spendere a farmi una vita, lo sto impiegando in gran parte a disegnare.
A disegnare cosa? Beh… un po' quello che capita. Certo, sto andando avanti nell'ultimare alcuni lavori, ma principalmente faccio illustrazioni a raffica e sperimento nuove tecniche e stili.
Proprio per questo il post si chiama "Sperimentazioni"! Perché, seppur la seconda illustrazione che vi propongo (la stessa che vi ho fatto assaggiare in copertina del post) sia piuttosto classica, la tavola che vi presento subito qui sotto è un po' speciale.
Nella realizzazione di questa tavola, in cui rivediamo i protagonisti di Esso - L'Ultimo Fumettista Libero davanti a un Autogrill (e chi ha letto il volume riesce a immaginarsi il perché), ho utilizzato il mio mega-nuovo-iper-scanner-multifunzione -kaboom-senza-pietà!
Questo metodo di lavorazione consiste nell'elaborare le bozze della tavola in digitale, stamparle in azzurro e poi matitarle e inchiostrarle in maniera tradizionale. Guadagno? Facendo le bozze in digitale si possono regolare molto più precisamente i volumi dei personaggi all'interno delle vignette e i riquadri all'interno della tavola: modificarli o correggerli impiega infatti un minimo sforzo. Inoltre lavorare tradizionalmente mantiene la freschezza nei tratti che di solito una lavagnetta grafica non può preservare; magari una mega Cintiq potrebbe fare al caso nostro… ma la mia Intuos è piccolotta e lo schermo su cui lavoro è piuttosto ampio e tendo ad avere delle difficoltà nel mantenere le proporzioni giuste tra le forme.
Per quanto mi piacerebbe raccontarvi che questo metodo mi è stato svelato in sogno da Buddha mi dispiace deludervi e dispiacermi ma è molto più terrena questa epifania. A questa Lucca Comics ho avuto il piacere di conoscere David Messina. Il suo stile di disegno non è propriamente nelle mie corde… ma professionalmente e tecnicamente è più che un maestro. Dopo quattro giorni che ho potuto parlarci un poco e vedere come lavora mi sono sentito migliore, come se il suo solo influsso mi avesse insegnato qualcosa, tipo osmosi. Ohi rigà, nunn è che mò vi cercate na disegnatrice bbona e co' a scusa der'osmosi ve state a struscià: qui se parla de massimi sistemi, mò nunn sminuiamo.
… No vabbeh… dopo quattro giorni tra l'ascoltare lui e le Truckers rispondevo con accento romano… Mi son fatto paura.
[Ah, il post su quanto sono brave le Truckers lo facciamo un altro giorno che ci vuole un post intero… magari senza miei disegni che se no il confronto mi uccide... che tipo le ho viste lavorare a Lucca e iniziavo a domandarmi quanto potesse costare espatriare su Marte in modo da non dovergli rubare ossigeno prezioso]
COMUNQUE tutto sto spiegone era per dirvi che tornato da Lucca bramavo roba di David per vederlo un po' all'opera. Mi è venuta in soccorso la Piadi-COF COF ehm… oddio… che tosse, dicevo, la Panini Comics e ha prodotto un albo contenente il ciclo Eredità di Ultimate Wolverine. Al fondo di questo c'era un interessantissima intervista al disegnatore che svelava questo metodo di lavorazione.
E io gliel'ho rubato.
Sì ragazzi, tre paragrafi fitti per dire che ho sperimentato questa tecnica dopo averne letto da un intervista a un disegnatore. Vero però che è molto più noiosa la cosa detta così?

Bene! Quindi vi faccio vedere un po'!
Bozze Blu! Ho definito la "griglia" mantenendomi appositamente piuttosto libero (se se sperementa se sperementa pé davero!), i volumi occupati dai personaggi all'interno delle vignette e ho ricalcato una foto di un Autogrill (prima appositamente modificata su Photoshop per orientarne la prospettiva).



Matite! Ho stampato le bozze in un azzurro pallidissimo e ci ho calcato sopra le matite. Ho fatto anche il figo segnando con le "x" le parti da campire di nero… Ma quanto me la gaggio? Da panico proprio.

Chine! Ho scansionato le matite, le ho messe su computer e le ho colorate di blu. Ho stampato le matite blu (pallido pallido) su un foglio e ci ho inchiostrato sopra con la mia Brush Pen.

Elaborazione digitale! Che ci volete fare? Io rincoglionisco per i retini. Mi piacciono proprio. Tutti quei pallini così belli ordinati! E quindi qui ho aggiunto una mezza tinta e qualche aggiustatina qua e là.

Lettering! All'inizio avevo letterato io questa immagine… ma per puro divertimento! Infatti questa tavola non aveva altra utilità se non quella di sperimentare questo nuovo metodo di lavorazione! Come vedete infatti quest'ultima fase è un po' raffazzonata. Quando ho fatto vedere il mio elaborato al resto del team ManFont (visto che vorrei applicare questo metodo anche alla realizzazione di nuovi e segretissimi progetti) me l'hanno cassato e il compito di letterare questa tavola è passato a Marco Ventura. La versione ben definitiva (con baloon fatti come si deve e testi corretti) la trovate sulla pagina ManFont!

Ebbene. Che voi ci crediate o no, questo post l'ho scritto ieri. Oh già, sabato sera! E forse vi starete chiedendo "ma il sabato sera non si va a squinzie?". Bene, il sabato sera si va a squinzie solo se va tutto bene, altrimenti ci si ritrova a sforzarsi di pubblicare finalmente un post in orario dopo un escalation di ritardi. E forse ora vi domanderete "e che ce ne frega a noi se ti sei fatto finalmente furbo?". Niente! La cosa importante è che quando leggerete questo post io mi sarò visto al cinema Dragon Ball Z - La battaglia degli dei! E lo dico in italiano perché ovviamente è in italiano! Lo so che Battle of Gods fa più figo ma se volessimo fare proprio i precisi sarebbe "Kami to Kami" (visto che ho fatto i compiti a casa?).
Ci sono film che lasciano un buon range di fan soddisfatti e non: c'è a chi non è piaciuto, c'è a chi non è piaciuta qualcosina, c'è a chi è piaciuto tanto… Questo film NO. Le acque si dividono. Da un lato c'è l'odio e dall'altro c'è l'amore. E basta. In mezzo ci passa un muro con filo spinato e cavi elettrificati. Sono molto curioso di andarlo a vedere. Prima di tutto perché Dragon Ball è stato comunque il cartone della mia infanzia. Le elementari le ho praticamente passate a discutere sull'ultimo livello di super Sayan e a imitare quelle legnate cosmiche! Aah, bei ricordi. Inoltre sono curioso di vedere da quale lato della barricata mi schiererò. In generale sono fiducioso perché mi sembra molto comico e leggero come film e quindi più simile a come Toriyama immaginava e produceva Dr. Slump & Arale e la prima (meravigliosa) serie di Dragon Ball! Quindi staremo a vedere.
Il fatto è che comunque l'uscita di questo film nelle sale cinematografiche italiane è un vero evento e come tale va trattato. Quindi, come per Harlock ho fatto un piccolo sketch all'inizio dell'anno, così anche Goku si merita un' illustrazione tutta per se!

Bozza! Io so pochissimo del film, ma una delle prime clip ufficiali rilasciate da Lucky Red ci mostra un Goku Super Sayan 3 perdere miseramente contro la divinità gattone-viola Bills. Ho quindi pensato di studiare un'illustrazione allegorica (come la locandina di un film o la copertina di un fumetto) con un mega Bills intento a schiacciare senza pietà il nostro mitico protagonista al meglio delle sue forze.

Matite! Ho definito meglio i tratti dei due personaggi per rendere più facile l'inchiostrazione. Ho deciso di prendere come riferimento per il personaggio di Bills un gatto Sphinx: dai disegni, infatti, l'antagonista sembra privo di pelo e piuttosto secco di corporatura.

Inchiostrazioni! Ecco il nostro rugosissimo cattivone che tiene in pugno il Super Sayan dalla lunga chioma bionda!

Tinte piatte! Anzi, tinte piattissime! I due avversari hanno di base colori complementari che scazzottano tra loro già di per se. Ho deciso di definirli in maniera così netta in modo che le pennellate più sfumate che ci avrei applicato sopra sarebbero rimaste comunque coerenti a un tono generale.

Colori! Mi sono molto divertito a immaginare come l'aura di Goku potesse illuminare il corpo viola di Bills. L'effetto mi soddisfa tanto e devo ringraziare nuovamente il mitico Marco Montironi per avermi insegnato la tecnica Jedi che mi ha consentito di realizzare questo effetto!

Sfondo! La battaglia di Goku e amici non è mai per salvare il vicinato! In gioco c'è sempre il destino della Terra! Lo sfondo quindi è formato dalla composizione di una foto del nostro pianeta preferito, semplificata e con albedo aggiunta, e una degli spazi siderali, a fare da sfondo. I colori sono stati trattati per creare maggiore contrasto tra pianeta e stelle.

Composing! Semplicemente ho unito lo sfondo ai personaggi rifiniti.

Lavoro concluso! Ho aggiunto un po' di effetti speciali! Ho aggiunto ombre e luci per dividere maggiormente i piani e far percepire meglio la profondità. Inoltre ho reso l'aura di Goku potentissima mixando vari livelli di luci e gradienti!

Sono parecchio soddisfatto del risultato finale e se vorrete, poi, qua sotto, potremmo chiacchierare delle mie e delle vostre impressioni sul film!

Il Super Post di questa sera è giunto al termine e vi invito a rifarvi vivi qui la settimana prossima!
Stateme bbene!