sabato 17 giugno 2017

Spazio Fumetti - Biblioteca di Bra

La biblioteca di Bra ha da poco aperto un intera sezione dedicata al fumetto. Il vecchio mobiletto basso e stracolmo è stato sostituito da due belle librerie dove i volumi acquistano tutta un'altra presenza scenica!
Per decorare una parete libera di questo piccolo "Comic Corner" mi volevano commissionare un murales ma non essendo troppo ferrato in quel campo ho proposto un bel poster! Avute le dimensioni da occupare non avevo nessuna limitazione se non il tema: i fumetti! Mi sono divertito moltissimo a realizzare questo poster e sono sicuro lo noterete da ogni fase di lavorazione!


Idea!
L'idea era subito chiara nella mia testa: una persona prende un libro dallo scaffale della biblioteca, lo apre e scopre un mondo che prima non si sarebbe immaginato che lo coinvolge e lo assorbe. Traducendo semplicemente questa idea in disegni è apparso il nostro fumetto esplosivo... ma qualcosa non andava.


Bozza!
Basta ragazzetti brufolosi a leggere fumetti, basta rappresentare gli stessi stereotipi che non hanno più niente a che vedere con la realtà. Volevo ritrarre quel pubblico che non viene mai rappresentato: le ragazze. E non parlo della ragazza "nerd" con la maglietta di Batman, no, una ragazza qualunque. Vorrei che i fumetti non fossero più percepiti come passatempo proprio di una nicchia, un universo nel quale, se non si entra dalla nascita o tramite chissà quale rito, non si potrà mai navigare. Se tutti possono leggere fumetti è giusto iniziare a scardinare gli stereotipi che ci portiamo dietro dagli anni quaranta. Lo so che il mio non è un gesto rivoluzionario... ma nel mio piccolo sento di aver fatto qualcosa di buono. L'occasione di disegnare un poster esposto in una biblioteca mi ha dato l'opportunità di lanciare un piccolo messaggio a tutte quelle persone che leggono fumetti o sarebbero interessate a farlo ma non sono mai state rappresentate: "Lo so che ci siete, continuate così, perché questi libri sono rivolti a voi."
Ohi raga, io me li faccio davvero questi viaggioni quando disegno eh... Ma mo' mi do una calmata.

Matite!
Outfit estivo! Ringrazio inoltre la mia ragazza che mi ha dato dei riferimenti per vestire questa lettrice un po' alla moda e quindi giù di choker!

Inchiostrazione!
Clip Studio Paint mi rende sempre più facile/piacevole inchiostrare.  Easter Egg: nella copertina del fumetto Best Regular Adventures (B.R.A. ... sono un tipetto simpatico!) ci sono io in biblioteca! Nel mondo dei fumetti la nostra realtà è la vera avventura! (Il fatto che io abbia scritto "Liibrary" è passato inosservato ad almeno cinque persone prima della stampa quindi passerà inosservato anche a voi).

Grafica!
Questa è stata una parte impegnativa ma divertente: ho ricreato la griglia di una tavola sullo sfondo e un mare di balloon ad esplodere fuori dal fumetto. Nella ricerca dei font e la sperimentazione degli strumenti di lettering di Clip ho messo in gioco tutta la mia creatività!

Flat!
Nella divisione in selezioni avevo provato a creare un forte distinguo tra ciò che era fumettistico (giallo-arancio) e ciò che era reale (viola). Per fortuna dopo mi sono lanciato su qualcosa di più vario dove la differenza fumetto/realtà resta ma con la suddivisione tra colori primari (quindi giallo, ciano/blu, magenta/rosso ecc.) e secondari (violetto, lilla, marrone ecc.).

Colorazione!
Andiamo per punti.
1) Colorare alcuni bordi (quelli che avevo già disegnato su livelli separati).

2) Ombre (sul blu/violetto per dare alla luce una caratteristica ancora più gialla).

3) Luci!

4) Colorare il resto delle chine (cosa che di solito non facevo e che qua mi ha dato grandissime soddisfazioni!)

Effetti e dettagli!
Ho aggiunto un po' di effetti cinetici sullo sfondo e apportato le ultime correzioni.

Risultato finale!
Ho concluso tutto con qualche effetto speciale e macchie qua e là per rendere la scena ancora più esplosiva!


Alla biblioteca di Bra ho speso tantissimi bei momenti e buona parte della mia cultura fumettistica di base si è formata tra quelle mura. Watchmen, Daredevil The Man Without Fear, Batman The Killing Joke, La Morte di Superman, Marvels, Kingdom Come sono solo alcuni dei libri che ho avuto l'opportunità di leggere grazie alla biblioteca di Bra e poter firmare questa illustrazione significa molto per me. Passatela a vedere perché è anche stampata molto bene!
Stateme bbene ragazzi!

martedì 23 maggio 2017

Toppolino GIF!

Il mio amico Alex Folin, già autore di Sociopathetic, ha iniziato da qualche settimana a pubblicare strisce di un suo nuovo personaggio: Toppolino. Per quanto non vadano per niente sul leggero io le trovo esilaranti nella loro assurda esagerazione e non ho potuto fare a meno di fare un piccolo regalo alla pagina animando un'illustrazione realizzata dallo stesso Alex per Andrea Boscolo (un'altro grande autore e amico). Ecco quindi per voi Toppolino and friends a tutta velocità!


Se amate il black humor e non vi spaventate al leggere qualche bestemmia seguite subito la pagina di Sociopathetic & Toppolino!
Stateme bbene!

sabato 6 maggio 2017

Last Monday - TBCO 27 GIF!

Ecco la GIF Making Of della mia illusrazione per TBCO. Mi dispiace che sia più rapida delle altre ma con Clip Studio Paint non sono riuscito a fare di meglio.
Stateme bbene!

mercoledì 3 maggio 2017

Last Monday - TBCO 27

Ho già collaborato con Lorenzo Ghetti per l'episodio 20 della terza stagione di To Be Continued (e non ho ancora fatto il post! ARGH!) e mi sono divertito come un matto. In fondo se mi si dà la possibilità di disegnare supereroi io sono sempre felice. Questa volta avevo ancora meno limitazioni del solito e mi sono divertito come un matto nel rappresentare uno dei tanti scontri avvenuti nel tragico LAST MONDAY! Quindi ecco il making of dell'illustrazione che trovate nell'episodio 27 della terza stagione di To Be Continued, Last Monday, insieme a quelle di tanti supercolleghi!

Bozza!
Per prima cosa ho pensato alla dinamica dell'azione. All'inizio avevo pensato che la mia illustrazione sarebbe stata disposta vicino a quelle dei miei colleghi e per questo ho deciso di dare alla composizione una forma sferica: in questa maniera ovunque fosse stata posta avrebbe avuto un suo movimento circolare e localizzato. Quindi abbiamo un personaggio più grosso che subisce un attacco avvolgendosi come ad abbracciare l'avversario.

Matite!
Qui sono andato a caratterizzare i personaggi. Dopo aver deciso di rendere il personaggio smilzo un monaco shaolin quello che all'inizio era un gancio alla testa è diventato un colpo di palmo al petto. Il mostro è stato mostro fin da subito... perché era da tanto che non disegnavo UN BEL MOSTRO. Andando ad aumentare la definizione dell'immagine ho ad esempio deciso di rimuovere le gambe del mostro perché rovinavano la composizione curva che volevo mantenere. Inoltre ho deciso di aggiungere un movimento puramente diagonale (il corpo del monaco tra gambe e braccia forma praticamente una X) che attraversa il mostrone da parte a parte facendogli esplodere la spina dorsale (viva la violenza).



Chine!
Studiando autori vari di cui stimo moltissimo il dinamismo ho cercato di inchiostrare i personaggi con linee belle solide e corpose alternate a quelle sottili e fitte per l'esplosione cinetica.

Retini!
Forse la parte in cui mi sono divertito maggiormente. Adoro i retini ma non mi sono mai sentito davvero in grado di usarli. Piano piano (piano piano piano) sto prendendo dimestichezza con Clip Studio Paint e applicare i retini mi è diventato più intuitivo. Già il disegno così mi piace un sacco.

Selezioni!
Vi rendo partecipi che in realtà questa illustrazione è divisa in due parti: quel pazzo di Lorenzo Ghetti voleva infatti che i due personaggi potessero scorrere tra di loro col movimento della pagina. Sarebbe stato MOLTO più semplice se non ci fosse stata questa "struttura a panino" per cui un personaggio avvolge l'altro... Ma le cose semplici sono noiose.



Colori!
Pennellate pesanti! All'inizio volevo fare il mostro verde (secondario) contro lo shaloni giallino (primario). Mentre guardavo l'illustrazione però questo mostro verde e rosso ma non mi convinceva. Come al solito ho preso tutti i colori e mi sono messo a pasticciare con le levette che regolano le tonalità dei colori. D'un tratto è diventato magenta e ciano (come ora)... mi è salita una voglia di basic che se non fosse un po' per la pelle dello shaolin ci sono solo colori primari in questa illustrazione. VERY POP!

Effetti!
Come ho scoperto studiando la mia collega Giorgia Lanza, colorare le chine può dare grandi effetti! Esplosione più esplosiva e macchie di sangue mostruoso ovunque! BA-BOOM!

Spero che questa illustrazione vi piaccia quanto mi sono divertito a realizzarla! Lavorare su progetti così particolari e geniali è sempre una grande soddisfazione e una bella sfida.
Stateme bbene!

lunedì 9 gennaio 2017

Hippie-Girl GIF!

Come avete fatto a stare senza la GIF dell'hippie-girl fino ad ora?

Stateme bbene!

Hippie-Girl

Nuovo pezzo targato Character Design Challenge! !
Dopo aver inviato in ritardo il mio George Weasley ho deciso che questo mese non avrei più rimandato! Il soggetto da rappresentare questa volta era un hippie! Di certo è un tipo di soggetto che non mi sarei mai sognato di disegnare senza un motivo... ed è per questo che trovo queste challenge molto interessanti per uscire un po' dalla propria comfort zone! Vediamo il processo di realizzazione!

Bozza!
Ho deciso di rappresentare una donna proprio per aumentare la difficoltà: solo adesso sto iniziando lentamente a prendere un po' di dimistichezza con le figure femminili e avevo voglia di mettermi alla prova. La cosa che volevo assolutamente trasmettere era la rilassatezza del personaggio: quella mollezza e sinuosità tipico di una lava lamp.

Anatomia!
Una parte che mi diverto sempre a curare! Anche qui ho fatto di tutto per mantenere l'elasticità e la morbidezza delle linee.

Matite!
Qui ho iniziato a definire il personaggio. Ho deciso di non aggiungerci tanti strati di vestiti o oggetti ingombranti: un top e un pantalone molto leggeri e svolazzanti. I più attenti avranno notato delle variazioni in entrambe le mani. La mano destra è stata girata: prima più che le dita a V sembrava un gesto per chiedere da fumare. Nella mano destra ho aggiunto una collana di fiori per marcare il movimento del personaggio e aggiungere una sorta di elemento narrativo.

Tinte piatte!
All'inizio questa suddivisione in tre colori doveva essere puramente indicativa: pensavo infatti poi di separare ogni elemento e modificargli il colore per vestire il nostro personaggio di un po' tutto lo spettro dell'arcobaleno. Con lo sviluppo del disegno poi ho deciso di lasciare così la palette di base aggiungendo poi all'ultimo step un tocco di magenta (ma ne parliamo più tardi). Qui si nota l'elemento più importante e secondo me più soddisfacente di tutto il disegno: la trasparenza degli abiti. Mi sono proprio divertito!

Luci e ombre!
Se per George Weasley ho usato un approccio relativamente classico, cioè quello di sovrapporre le tinte piatte a una figura preventivamente ombreggiata in scala di grigi, per questa illustrazione ho deciso di improvvisare. Usando pennelli colorati e mixandoli tra di loro tramite le opzioni di fusione ho cercato di ottenere un tipo di chiaroscuro molto luminoso e colorato.

Primi dettagli!
Piano piano si definiscono le prime forme e soprattutto il volto del personaggio.

Più dettagli!
Qui la lavorazione è stata un vero rush fuori controllo e ho salvato poche immagini delle fasi intermedie! Comunque con i pennini di Clip Studio Paint ho definito le forme, tratteggiato le ombre, aggiunto dettagli e dato un senso alle macchie di colore.

Lavoro finito!
Ho aggiunto le collane, i bracciali, i lacci e una marea di dettagli. In più ho anche definito il pavimento erboso per la scena e, come vi ho accennato prima, ho cambiato il colore degli occhialetti per focalizzare maggiormente l'attenzione sul volto del personaggio.

EXTRA!
Proprio per voi che state seduti dopo i titoli di coda ho montato questa immagine. Le frecce in rosso sono state tracciate dopo la realizzazione delle matite ma ho pensato fossero più interessanti se sovrapposte sul lavoro concluso. Rappresentano le linee di forza che scandiscono il disegno (anche se l'orientamento con le frecce ora che lo vedo è un po' messo a caso). La linea principale e quella su cui ho fondato un po' tutto il disegno è quella centrale e curva che collega testa, torso, bacino e gamba destra. L'altra linea super importante è quella verticale a destra che percorre testa e braccio sinistro. Queste due linee formano una bellissima forma ad arco (intendo proprio quello con le frecce) che mi piace tantissimo ed esprime tutta la tensione che cercavo. Poi ci sono altre tre linee diagonali: una percorre l'avambraccio destro, una la coscia sinistra e una lo stinco sinistro. Queste ultime tre spezzano un po' la lettura lineare dell'asse centrale facendo come da piccoli short-cut tra punti di interesse sparsi per l'illustrazione. Queste linee sono state fatte dopo la fase di matite per fare in modo che le linee definitive seguissero l'andamento corretto e capire dove si sarebbe focalizzata maggiormente l'attenzione dello spettatore.

Queste challenge mi stanno divertendo sempre di più. Potrebbero quasi un appuntamento fisso... ma sono pessimo a mantenere gli appuntamenti fissi!
Peace and love brothers and sisters!
Stateme bbene!